Announcement

Collapse
No announcement yet.

zeovit e coralli molli

Collapse
X
 
  • Filter
  • Time
  • Show
Clear All
new posts

  • zeovit e coralli molli

    Salve a tutti, finalmente sono riuscito a registrarmi (inglese zero).
    Vi espongo il mio problema, ho un acquario di circa 350 litri (netti) illuminato da 5 neon t8 per un totale di circa 200w, circa 60/70 kg di rocce delle quali circa 10kg di vive, il tutto avviato circa 10 anni fa con filtro biologico e solo pesci (infestazione di alghe, cianobatteri ecc.).
    Circa un anno fa ho dismesso il biologico, ho costruito una sump, ho inserito uno schiumatoio, ma il problema alghe persisteva, così a settembre 2004 ho cominciato con il metodo zeovit (zeoliti,zeobak, zeofood e carbone) con il risultato che oggi sto risolvendo definitivamente il problema alghe (pochi ciuffi sporadici) e cianobatteri.
    Forse ho scelto la strada più in salita, se ripartivo da zero forse era meglio, ma a questo punto non voglio mollare.
    Presto spero di sistemare anche l'illuminazione e passare alle hqi, intanto comunque avendo solo molli mi accontento.
    Il problema sta nel fatto che fino ad ora le sinularie (2) e i sarcophiton (6) sono sempre stati in salute con una buona crescita dal loro inserimento (circa 1 anno), poi ho inserito un litophiton e due actinodiscus e da quel momento sia le sinularie che i sarcophiton sono perennemente in muta, la finiscono e la ricominciano il giorno dopo, il tutto si protrae da circa 20gg.
    La domanda che mi pongo è se questo possa essere legato a zeovit oppure a qualche sostanza disciolta nell'acqua, i valori di NO3, PO4, Ca, Mg, KH e PH sono nella norma.
    Può essere dovuto a una "guerra chimica" tra briaerum e sinularia che sono entrati in contatto?
    Scusatemi se mi sono dilungato ma ritenevo utile spiegarvi dettagliatamente la mia situazione.
    Vi prego divenirmi in aiuto con consigli ed esperienze personali
    grazie
    ciao max

  • #2
    Ciao Max, benvenuto.

    In tutta sincerita' non vedo cosi' semplice la tua situazione, sarebbe opportuno approfondire un'attimo meglio.
    Leggo che hai una vasca di 350 litri, questa e' illuminata da 5 neon per un totale di 200W, come sicuramente sai (altrimenti non vorresti passare alle HQI) questa illuminazione non e' sufficente, una maggiore illuminazione permette una maggiore e migliore ossidazione da parte delle rocce vive, una parte dei tuoi problemi potrebbe essere anche legato a questo.
    Non entro nel merito delle rocce vive in una quantita' molto bassa rispetto alle rocce non vive, queste dopo dieci anni si saranno popolate, sarebbe pero' bello capire come, se lavorano bene, se sono abbastanza porose dal contenere batteri etc etc...
    Il problema che ci esponi e' legato a soli due animali che si toccano (e quindi e' dovuto alla rispettiva azione di urticazione) oppure e' esteso a tutti ? I terpeni (sostanze tossiche ed irritanti) sono emessi sicuramente dai molli, ad esempio gli Actinodiscus sono una fonte inesauribile di terpeni, questi infastidiscono i coralli corcostanti, ma in una vasca di 350 litri con un movimento normale non dovrebbe minimamente venire infastidita da una colonietta di Actinodiscus. Per rimuovere comunque gran parte di questi ti suggerisco di inserire del carbone attivo e tenerlo per almeno 5 giorni.

    Facci sapere come procede.

    Ciao
    Good reefing.
    -------------
    Gilberto

    Comment


    • #3
      ciao Gilberto, grazie della risposta.
      Completo il quadro della situzione, le rocce morte erano tutte ex vive quindi penso con una buona porosità, ora dopo anni di maltrattamenti (biologico) sono popolate da moltissimi organismi come vermi, anfipodi, patelle, piccoli spirografi, ofiure, lumache ecc., considerando che i nitrati oscillano tra 2,5 e i 5 mg/l e i fosfati sono sotto a 0,1 mg/l (non possiedo il fotometro), credo che il loro lavoro lo svolgano egregiamente.
      Per quanto riguarda il "problema muta", questo è generalizzato a tutti i sarco e le sinularie e non solo alla sinularia che è entrata in contatto con il briaerum.
      La mia sensazione è che ci sia qualche sostanza disciolta nell'acqua che disturba questi due animali e solamente questi in quanto tutti gli altri, pesci compresi, stanno benone.
      L'illuminazione è sicuramente scarsa e cercherò di provvedere al più presto, però questa configurazione ha permesso alle sinularie di triplicare le loro dimensioni in poco più di sei mesi e di radoppiare quelle dei sarcophiton, quindi non credo che possa dipendere da quello.
      Una cosa che ho notato è che la notte gli actinodiscus si richiudono su se stessi formando come una pallina per poi riaprirsi normalmente con l'accensione delle luci.
      Per quanto riguarda il carbone uso quello della zeovit nelle dosi consigliate in una calza di nylon in sump, lo cambio tutti i mesi ed è stato sostituito qualche giorno fa.
      ciao max

      Comment


      • #4
        Perfetto Max,
        una cosa, il carbone Zeo nelle quantita' suggerite appunto per il metodo sarebbe preferibile utilizzarlo in un "filtro forzato" per aumentarne l'efficenza, proprio per questo motivo ti suggerisco di inserire mezzo kg (un litro del carbone Zeo) in piu', di tenerlo appunto almeno 5 giornio, questo e' perche' il carbone assorbe i terpeni, se fosse questo il motivo lo andresti ad eliminare introducendo una uantita' di carbone maggiore.
        I neon non sono molto performanti, perdono velocemente la loro efficenza e dopo 6 mesi sarebbero da sostituire, l'interrogativo che mi sorge e' che non si possa essere modificato lo spettro dei neon ed essere "fastidioso" per i molli. In alternativa controlla i pesci, sei certo che nessun pesce ha iniziato a "gradire" la presenza dei molli cibandosene?
        Ti chiedo anche di dirmi i valori che hai rilevato con i test dell'acuqa e la marca dei test da te utilizzati per comprenderne l'attendibilita'.

        Ciao
        Good reefing.
        -------------
        Gilberto

        Comment


        • #5
          Allora i neon hanno circa 8 mesi di vita quindi potrebbe essere che incomincino ad esaurirsi.
          Per il carbone potrei inserirlo nel vecchio biologico (vuoto) con circolazione di 2000 l/h? momentaneamente ne ho a disposizione della askoll (quello nelle bustine per intenderci).
          Per quanto riguarda i pesci (3 ocellaris, 1 flavescens, 1 centropige e 1 damigella di behn) non sembrano interessati ai coralli e se non in sporadiche occasioni, non li disturbano.
          I valori dell'acqua sono stati tutti rilevati con test colorimetrici
          NO3 - 2.5/5 mg/l - acqualight e dupla
          PO4 - minori di 0.1mg/l - salifert e dupla
          KH -8 - acqualight
          PH - 8.2/8.3 - acqualight
          Ca - 450 mg/l - acqualight
          Mg - 1200mg/l - acqualight
          Si - non rilevabili - acqualight

          ciao max

          Comment


          • #6
            Ciao Max,

            come stai dosando gli additivi Zeovit? Hai fatto intervenire delle variazioni recentemente? Te lo chiedo perché con una vasca come la tua, i valori di NO3 e PO4 sono un po' altini. Quindi vorrei capire come stai dosando in particolare food, back e ZS.

            Per il carbone Askoll, va bene, ma non lo metterei in un filtro da 2000 lt/h. Piuttosto devi utilizzarlo in un filtro si a passaggio forzato (solo per aumentarne l'efficacia) per un certo periodo, ma con un flusso da circa 200 lt/h.

            Facci sapere.

            Ciao

            Mat

            Comment


            • #7
              ciao e benvenuto
              una curiosita lo iodio lo utilizzi???
              i molli x crescere lo utilizzano,ed i cambi d'acqua ogni quanto li fai e che sale usi o la prendi gia fata quindi che sale adopera iltuo negoziante

              ciao da blureff

              Comment


              • #8
                Originally posted by Mat
                Ciao Max,

                come stai dosando gli additivi Zeovit? Hai fatto intervenire delle variazioni recentemente? Te lo chiedo perché con una vasca come la tua, i valori di NO3 e PO4 sono un po' altini. Quindi vorrei capire come stai dosando in particolare food, back e ZS.

                Per il carbone Askoll, va bene, ma non lo metterei in un filtro da 2000 lt/h. Piuttosto devi utilizzarlo in un filtro si a passaggio forzato (solo per aumentarne l'efficacia) per un certo periodo, ma con un flusso da circa 200 lt/h.

                Facci sapere.

                Ciao

                Mat
                allora negli ultimi mesi i valori di NO3 sono sempre stati sotto i 2,5mg/l e i fosfati non misurabili con test dupla, non convinto del risultato riguardante i fosfati ho acquistato il relativo test della salifert il quale mi accenna una lieve colorazione celeste (non è facile da decifrare ), per verifica ho eseguito il test anche sull'acqua pronta per il cambio (osmosi + tropic marin) e sorpresa il risultato è identico.
                A questo punto pensavo di far testare l'acqua ad un amico che lavora in un laboratorio di analisi in modo da avere dei valori di confronto.
                La mia sensazione è che comunque siano bassi vista la costante regressione delle filamentose.
                Per quanto riguarda zeobak ne doso circa 2 gocce a giorni alterni e zeofood tutti i giorni 2 gocce, niente zeostart ma qualche goccia di acqua di osmosi + fruttosio (un totale di circa mezzo cucchiaino di fruttosio a settimana).
                Questa configurazione mi ha consentito la scomparsa quasi completa dei cianobatteri.
                Altre variazioni che sono intervenute sono l'inserimento di tre ocellaris e un flavescens di piccole dimensioni.

                ciao max

                Comment


                • #9
                  Originally posted by blureff
                  ciao e benvenuto
                  una curiosita lo iodio lo utilizzi???
                  i molli x crescere lo utilizzano,ed i cambi d'acqua ogni quanto li fai e che sale usi o la prendi gia fata quindi che sale adopera iltuo negoziante

                  ciao da blureff
                  per quanto riguarda lo iodio utilizzo la soluzione lugols forte fatta dal farmacista, ne metto circa 1 goccia a giorni alterni, forse è poco ma ho paura di sovradosaggi.
                  I cambi d'acqua ora li faccio di circa 20 litri a settimana con acqua di osmosi e sale tropic marin, in passato sono stato molto più pigro (1 cambio al mese di circa 30 litri).
                  Il sale è in confezione anonima ma il negoziante mi ha assicurato che si tratta di tropic marin per i negozianti, comunque è quasi finito e il prossimo sarà il "pro" che a sentire in giro contiene più magnesio, elemento che nella mia vasca stenta a essere sopra i 1200 mg/l.

                  ciao max

                  Comment


                  • #10
                    Il caso mi sembra complicato. Sentiamo che dice Alex.

                    Mat

                    Comment


                    • #11
                      Originally posted by Mat
                      Il caso mi sembra complicato. Sentiamo che dice Alex.

                      Mat
                      Grazie attendo la risposta

                      ciao max

                      Comment


                      • #12
                        Il problema non credo sia cosi complicato....
                        Riduci il dosaggio dello zeofood e vedrai che non andranno piu in muta...
                        Non amano la patina batterica che si forma sul loro corpo e pertanto vanno in muta....

                        Comment


                        • #13
                          Originally posted by decasei
                          Il problema non credo sia cosi complicato....
                          Riduci il dosaggio dello zeofood e vedrai che non andranno piu in muta...
                          Non amano la patina batterica che si forma sul loro corpo e pertanto vanno in muta....
                          ciao Decasei, grazie dell'intervento, quindi secondo te è meglio sospendere completamente zeofood per un periodo o è meglio ridurlo?
                          Potrei dimezzarlo dando 1 goccia al giorno o 2 ogni due giorni.
                          Comunque in passato dosavo 4 gocce al giorno di zeofood, mi si formava una patina marrone sulle rocce ma gli invertebrati non erano per niente disturbati (massima estroflessione dei polipi e buona crescita), ora con 2 gocce al giorno non si forma più la patina e quella esistente la stanno mangiando i ricci e le lumache.

                          ciao max

                          Comment


                          • #14
                            Ma sui molli vedi una patina formarsi ??
                            Quando si stacca la patina di che colore è??

                            Comment


                            • #15
                              Originally posted by decasei
                              Ma sui molli vedi una patina formarsi ??
                              Quando si stacca la patina di che colore è??
                              Sulla sinularia non noto nulla di anomalo, solo la normale pellicola trasparente che poi si sfilaccia e se ne va, invece sui sarco in effetti si forma una pellicola tendente al marrone, ma rimanendo chiuso per diversi giorni pensavo fosse sedimentazione di particelle presenti nell'acqua.
                              Noto comunque che il flavescens pizzica la pellicola della sinularia, ma solo quando questa è chiusa, altrimenti non la disturba.
                              ciao max

                              Comment

                              Working...
                              X